50.000 NO alla discriminazione dei Rom in Italia

Musica, teatro e un grande cerchio di persone che si sono strette la mano intorno a Piazza del Popolo riproducendo la ruota della bandiera rom. Si è svolta a Roma, nel pomeriggio di sabato 22 dicembre 2012, la manifestazione in favore della cultura e dei diritti del popolo rom organizzata in occasione della consegna al governo italiano delle quasi 50mila firme raccolte in tutto il mondo da Amnesty International per chiedere la fine degli sgomberi forzati e della segregazione nei confronti dei rom in Italia.

Negli ultimi anni, in Italia, migliaia di famiglie rom sono state sgomberate senza che venisse offerta loro una sistemazione alternativa. In molti altri casi, le famiglie sono state trasferite in campi “autorizzati” in zone isolate, lontano dagli occhi di tutti; segregate in campi circondati da barriere e telecamere. Una situazione che rende per loro ancora più difficile accedere ai servizi di base come scuole, negozi e assistenza sanitaria.

Popica Onlus, da anni impegnata al fianco delle comunità rom residenti nel territorio romano, ha partecipato alla realizzazione dell’iniziativa insieme all’’Associazione 21 luglio, all’European Roma Rights Centre (ERRC), alla Federazione delle chiese evangeliche in Italia, al gruppo di danza di bambine rom Cheja Chelen, al Progetto Sàr San, alla cooperativa Zajedno e alle associazioni Monteverde antirazzista e Beato Zeffirino.

Scarica il comunicato dell’iniziativa: http://www.amnesty.it/Amnesty-International-contro-la-discriminazione-dei-rom-luci-musica-teatro-e-danza-in-piazza-del-Popolo-a-Roma-22-dicembre