Comunicato Sgomberi di Pasqua

Cinquanta persone accampate in un parco nei pressi di via Palmiro Togliatti, trenta in un fazzoletto di verde a piazzale della Radio e altri novanta ospitati negli spazi messi a disposizione della Comunità di base di San Paolo.

È questo il bilancio con cui cala la notte su questo lunedì della Settimana Santa, è questo il modo in cui le Istituzioni della Capitale si preparano alla Santa Pasqua e alla beatificazione di Giovanni Paolo II.

Eroi della giornata sono il Delegato del Sindaco alla Sicurezza Ciardi e il consigliere Presidente della Commissione Sicurezza Santori, in prima linea davanti a giornalisti e fotografi per mostrare il loro impegno contro i “campi abusivi”, per cui centinaia di persone in mezzo alla strada e senza prospettiva di soluzioni abitative sono solo un danno collaterale.

A pulire la loro coscienza basta, infatti, la rituale e inutile offerta di accogliere solo donne e bambini per qualche giorno nei centri d’accoglienza.

Eppure appena qualche mese fa il Sindaco Alemanno si era impegnato ad avviare gli sgomberi dei campi “abusivi” con la garanzia di soluzioni alternative per tutti i residenti. Ancora ieri il Sindaco affermava la disponibilità del C.A.R.A. ad ospitare interi nuclei familiari sgomberati dagli insediamenti non autorizzati.

Sempre su questa idea, di spostare tutti i rom nel centro di Castelnuovo di Porto, si era impegnato pubblicamente, domenica scorsa, il Delegato del Sindaco per la questione rom, Najo Adzovic, che alle donne e agli uomini della Miralanza aveva promesso che non sarebbero stati messi per strada.

Parole e promesse morte sotto le ruspe di oggi, buone per i giornali e per farsi acclamare come presidente dei rom, ma inutili se davvero si vogliono superare le condizioni di rischio e di degrado degli insediamenti spontanei.

La logica che vediamo prevalere è, invece, quella della sicurezza-spettacolo, garantita da ruspe, minacce e manganelli, e dell’insicurezza diffusa, perché i rom sgomberati oggi, se non saranno presi in carico autonomamente e senza sostegno istituzionale da associazioni e realtà dei territori romani, non faranno altro che ricostruire altrove le loro baracche, sicuramente in zone più lontane e invisibili, ma anche più degradate e pericolose.

A quanto pare, questo è solo l’inizio di una nerissima Settimana Santa …

 

“Una scuolina per crescere” – Arpjtetto ONLUS

Popica Onlus

ARCI di Roma